L’ASINO, un animale assai “speciale”!!!

Nel corso del tempo, il rapporto uomo-asino è stato caratterizzato da dinamiche relazionali che sono andate modificandosi e ha assunto significati profondamente differenti in relazione alle epoche storiche, influenzato da mentalità, atteggiamenti, modalità di relazione legate ai popoli, alle culture, alle finalità che sono state date dall’uomo nel tempo a questo rapporto.

L’evoluzione della relazione uomo-asino ha attraversato tre grandi periodi:

• Primo periodo: il rapporto uomo-asino rispecchia una cultura magico-totemico, in cui l’uomo primitivo vive una condizione di indifferenziazione con la realtà e proietta la sua psiche su tutto ciò che lo circonda; l’uomo attribuisce ad ogni vitalità significati e intenzionalità; egli si identifica con gli animali e crede realmente di essere parte integrante della loro famiglia; in questa fase l’asino è sacro e i riti propiziatori con il suo sacrificio hanno un forte valore religioso; la sua utilizzazione, in questo periodo, è, quindi, quella alimentare;

• Secondo periodo: il rapporto uomo-asino riflette una cultura meccanico-funzionale che inizia con la doma dell’asino nel 5000 a.C. circa; l’uomo impara a sottomettere e a dominare l’asino, a controllarlo e a utilizzarlo per i propri scopi; l’asino è una fonte notevole di energia e viene utilizzato come mezzo di trasporto e di locomozione; l’asino diventa il compagno di lavoro dell’uomo;

• Terzo periodo: il rapporto uomo-asino discende da una cultura affettivo-relazionale in cui molti animali divengono “animali da compagnia” con cui l’uomo ricerca una comunicazione ed è attento alle loro esigenze, al loro benessere, alle loro modalità comportamentali, ai loro codici di comunicazione; l’asino diventa così “animale d’affezione” e viene riscoperto per le sue incredibili qualità empatiche e affettive.

L’asino ci accompagna da 5000 anni almeno: la sua disponibilità e la sua discrezione, insieme alla sua frugalità e robustezza, hanno fatto sì che l’uomo lo ritrovasse sempre accanto a sé; il ruolo centrale che ha sempre avuto nelle culture tradizionali contadine (soma, traino, sella e lavoro nei campi) e il suo attuale coinvolgimento nelle Attività e Terapie Assistite dimostrano chiaramente che l’asino è un animale a noi molto vicino per la sua affettuosità e per l’intensità della sua comunicazione a livello emotivo.

Ha un profondo impatto relazionale corporeo per le sue dimensioni, per la morbidezza del suo pelo e per la sua grande propensione a lasciarsi toccare e accarezzare su tutto il corpo; è un animale paziente, tranquillo e mansueto; è particolarmente riflessivo e i suoi movimenti sono, perciò, lenti e solitamente prevedibili.

L’asino è un animale d’affezione, un animale sociale che ama vivere in compagnia dei suoi simili ed è capace di sviluppare facilmente interazioni anche con l’uomo; la sua disponibilità alla creazione di relazioni significative è una caratteristica molto importante a livello sociale e comunicativo.

Questo animale possiede una modalità di comunicazione che non passa per processi mentali e verbali, ma si articola sul piano istintivo e corporeo, mobilitando i processi primari; con la sua disponibilità, la sua collaboratività ed empatia, funge da “facilitatore” relazionale, contribuendo a far superare rigidità, chiusure e ostilità.

La relazione con l’asino si articola su un piano profondo, istintuale, arcaico e attiva risposte a livello emotivo e irrazionale; risveglia l’affettività e la sensibilità; è il mezzo ideale per rimettere in moto la gioia, il piacere, la voglia di fare, ecc.; è un’esperienza che ha come obiettivo lo sviluppo o il recupero della capacità di provare emozioni, di esprimere sentimenti, di manifestare affettività. L’asino presenta evidenti caratteri neotenici (il prolungarsi di caratteri somatici, morfologici e fisiologici tipici dei cuccioli anche in età adulta) e questo stimola nel suo interlocutore tenerezza, dolcezza e protezione. L’asino è un animale erbivoro e, in quanto tale, ha sviluppato una forte spinta alla vita comunitaria per scopi difensivi legati alla sopravvivenza; solitamente, quindi, assume un comportamento poco irruente nei confronti dell’uomo e il suo atteggiamento è curioso, ma molto discreto e rispettoso.

La sua mole e la sua robustezza offrono accoglienza e protezione e suscitano sicurezza e affidabilità: oltre all’abbraccio da terra esso consente anche di essere montato in svariati modi, stimolando sensazioni, vissuti ed emozioni diverse; il contatto fisico con l’animale può essere quasi totale e questo consente all’utente di godere a pieno del suo calore e del suo rassicurante respiro, inducendo un piacevole rilassamento.

Il suo pelo lo rende morbido e la possibilità di toccare e accarezzare una superficie soffice consente di sperimentare un’esperienza sensoriale solitamente piacevole; l’asino sta spesso fermo e la sua statica dà sicurezza e lo rende un animale altamente prevedibile (l’asino non ha un’istintiva tendenza a scappare; assume gli stimoli, li valuta e poi, semmai, agisce). L’asino è, per sua natura, un animale intelligente e curioso; la sua robustezza fisica gli assicura una buona dose di invulnerabilità e gli permette di esplorare l’ambiente circostante e di avvicinarsi agli umani senza alcun timore; è, quindi, un animale socievole che mostra attivamente la sua disponibilità al contatto; è comunque rispettoso dello spazio personale altrui tanto che non cerca il contatto se sente nell’umano soggezione, repulsione o paura e offre, così, una presenza discreta, tranquilla e tranquillizzante.

Le Attività Assistite con gli Asini, basate, appunto, sul contatto con questo animale, mirano a far provare sensazioni positive che possono indurre o evocare emozioni positive, migliorando globalmente la qualità della vita dell’utente.

Organizziamo attività ludico-ricreative per persone normodotate e diversamente abili, affinché tutti possano godere degli indubbi benefici fisici e mentali che la vicinanza e l’interazione diretta con questi animali così “speciali” sanno apportare.

Non esitate a contattarci per qualsiasi ulteriore informazione!

Leave a Reply